Genpei 1.3: Interludio

Continua la lungagnata infinita sulla Guerra di Genpei, uno dei conflitti più importanti della Storia del Giappone, nonché il glorioso bagno di sangue che apre la via al governo dei guerrieri.

Vi pare una lungagnata? Allegri: s’è appena iniziato!

La scorsa puntata avevamo lasciato Yoritomo e i suoi vincitori a tavolino dopo che la grande armata Taira è fuggita inseguita da temibili papere (true story).

Ora, Yoritomo non è il primo capetto capace di raccattare esagitati orientali e fare un mazzo gigantesco alle truppe governative. Ma cosa rende il nostro diverso dai precedenti ribelli?

Yoritomo è uno stratega prima di essere un tattico. Vincere sul campo è un buon inizio, ma non basta a tenerti in sella. Un capo deve consolidare le proprie basi.

Come prima cosa, il nostro prende cura di compensare i suoi alleati Miura e gli Shimokōbe confermando i loro diritti sui loro territori.

Ma accontentare i suoi sostenitori non è la sola incombenza: se Yoritomo ha una qualche voglia di campare vecchio, deve sottomettere il resto delle bande della regione orientale. Sarebbe antipatico se mentre assedi la Capitale qualche ambizioso bastardo ti mangiasse la groppa, nevvero?

Tra i vari problemi, abbiamo la provincia di Kōzuke: il governo provinciale è stato dato alle fiamme da dei partigiani Taira e tale Nitta Yoshishige, notabile locale della stessa linea dei Seiwa-Genji a cui appartiene Yoritomo, ha deciso bene di dichiarare la propria indipendenza, trincerandosi nella fortezza di Terao.

Altri guai fermentano nella provincia di Hitachi, dove altri lontani parenti, i Satake, sono in rivolta contro Yoritomo. Il loro capo, figlio di una donna dei Fujiwara di Hiraizumi (potente famiglia del Nord-est), tiene per i Taira. Il che è un problema, dato che i Satake sono una banda di tutto riguardo. Le fonti le attribuiscono 20.000 guerrieri, anche se è ovviamente un’esagerazione. Non solo: i Satake sono anche in lite per dei territori del nord di Shimōsa, e i loro contendenti sono i Chiba, alleati di Yoritomo.

Carta riassuntiva delle grane di Yoritomo. Sagami è la sua base.

Yoritomo riunisce il consiglio di guerra.

-Da che parte si comincia, capo? Tuo cugino in Kōzuke o tuo cugino in Hitachi?

-A volte penso di avere troppi cugini…

-Se può consolarti, non sono di primo grado.

-Oh guarda, questo cambia tutto!

-Intanto ringrazia che non abbiamo notizie di quello in Shinano, coso lì, Yoshinaka.

-Tanto meglio. Anzi, sai che ti dico? Siccome non voglio rischiare di vedermelo davanti, cominciamo con Hitachi.

Il 27 del decimo mese Yoritomo scende in campo per estirpare i Satake.

-E’ un giorno sfigato.- fa l’astrologo. -Dovresti restare a letto.

-Ma che, ancora? Non avevamo superato ‘sta manfrina l’ultima puntata?

-Oh uomo di poca fede!

-Sì sì, come no, IN MARCIA!

Hitachi è la provincia dei Satake. Avendo saputo dell’arrivo del nostro, uno dei figli del capo, Hideyoshi, si asserraglia nella fortezza di Kanasa. L’equivalente tattico di “ah, vuoi fare a botte? VUOI FARE A BOTTE?”

Prima di attaccarli, Yoritomo s’installa nel governo provinciale.

-Kanasa è una noce dura da rodere.- osservano i suoi. -Come conti di prenderlo?

-Intanto ci vuole un parente per fottere un parente. Kazusa Hirotsune! Qualche idea?

-Hai presente il tizio asserragliato in Kanasa? Suo fratello maggiore ha accettato un mio invito!

-Quale fortunata coincidenza! Uccidilo.

Il disgraziato viene prontamente acciuffato e scapitozzato. Questo scatena un gran casino nella famiglia, che inizia a disfarsi, ma Hideyoshi non molla. Kanasa è ben piazzato, chiunque voglia prenderlo dovrà sanguinare.

Il castello di Kanasa (fonte nella Bibliografia)

I vassalli ponderano.

-Arrampicarsi lì sarà una merda.

Yoritomo non si scompone. -Ho già detto che ci vuole un parente per fottere un parente?

Hideyoshi ha un caro zio di cui si fida. Il caro zio di cui si fida è un traditore. Grazie a lui, gli uomini di Yoritomo arrivano al castello, l’attacco colpisce Kanasa come un maglio. Tradito dal proprio sangue (come da antica e consolidata tradizione), Hideyoshi deve ritirarsi precipitosamente e abbandonare le proprie terre. A Yoritomo non resta che raccattare quello che il fuggiasco ha abbandonato e distribuirlo tra i suoi per compensare il loro sudore e la loro lealtà.

In pratica, con la propria rivolta mancata, Hideyoshi ha fornito a Yoritomo un cospicuo bottino con cui controllare i propri vassalli.

Ricordiamo, tutta questa gente è tutta della stessa grande famiglia. Giusto per rimettere le cose in prospettiva: quando siete inchiodati al cenone di Natale con gente che sopportate appena, pensate che c’è chi è stato peggio.

-Bene.- fa Yoritomo. -Il grosso è fatto, alla faccia dell’astrologo. Ora possiamo anche tornare a Kamakura per-

-Sire! Haha, eh… vi ricordate quando si diceva di Yoshinaka, che non avevamo notizie…

-Oh no.

-Come dire…

Dove?

-Nel nord di Kōzuke.

Per Yoritomo i parenti sono un po’ come giocare a Wac-a-mole, hai appena tirato una martellata in testa a un cugino, che ne salta fuori un altro!

Cavaliere in armatura pesante

Yoshinaka è un tipo pericoloso: è un buon comandante e la sua banda è di tutto riguardo. Kōzuke è una provincia su cui la presa di Yoritomo non è solida, e su cui Yoshinaka ha saldi appoggi da parte di diversi distretti e molte famiglie guerriere.

La situazione è tesa. Non c’è molto affetto tra i due cugini, e entrambi hanno un ego di proporzioni astronomiche. L’ostilità sfrigola. Cosa farà il nuovo arrivato? Attaccherà? Si sottometterà?

I due potrebbero scatenare un nuovo bagno di sangue. Potrebbero spaccare il clan una volta per tutte e regalare la guerra ai Taira.

Destino vuole che né Yoritomo né Yoshinaka siano così cretini. Dopo essersi guardati in cagnesco, i due si rendono conto che nessuno dei due trarrebbe vantaggio a scatenare uno scontro: le loro basi non sono ancora abbastanza solide, e i loro nemici alla Capitale non aspettano altro.

Finiscono per ritirarsi in un raro esempio di buonsenso.

E non sono i soli. Il succitato Nitta Yoshishige, il ribelle di Kōzuke, calcola che lui e i suoi sono pesci troppo piccoli in un oceano con sempre più squali. E’ il momento di ripararsi sotto l’ala di un capo: si sottomette a Yoritomo nel dodicesimo mese. E’ la fine del 1180, il grosso del Kantō è ormai nelle sue mani.

Yoritomo riesce finalmente a tornare a casa. Ed è ora. A Kamakura, nasce il primo embrione di un nuovo organo di governo.

Alla differenza dei ribelli che lo hanno preceduto, come Taira no Masakado, o degli arrampicatori professionisti, come Taira no Kiyomori, Yoritomo ha le idee chiare. Una nuova era richiede nuove idee e nuove priorità.

E la priorità principale è trovare un modo per controllare i guerrieri. Tanti guerrieri. Qualcosa che permetta di gestire e amministrare la più grande banda che il Giappone abbia mai visto.

Se la legittimità irradia dall’Imperatore, Yoritomo ha un solo modo per riuscire: diventare un anello obbligatorio tra i capi militari e la Fonte di legittimità.

Yoritomo crea il samuraidokoro, l’Ufficio dei Guerrieri. Lo scopo dell’Ufficio è controllare le attività dei vassalli principali (i gokenin). Non è più la Corte (in quanto meccanismo di leggi e funzioni) a garantire i diritti dei guerrieri: è Yoritomo.

E’ il primo embrione di quello che sarà a breve il Bakufu, il Governo dei Guerrieri.

Mentre una nuova forma di governo nasce nella provincia di Sagami, i Taira della Capitale sono occupati con altre gatte da pelare. La minaccia dell’Est non basta a far loro dimenticare che pochi mesi prima i monaci di Nara hanno preso le parti del Principe Imperiale Mochihito, provocando la Battaglia di Uji. A Taira no Kiyomori prudono le mani per un po’ di sana retribuzione. Suo figlio prediletto Shigemori, quello che secondo lo Heike monogatari metteva un freno al temperamento esplosivo di Kiyomori, è morto da poco. Nessun moderato baciapile si erge più tra il grande Ministro e i suoi nemici.

La faccenda è delicata: Nara è il centro spirituale del Paese, la Città dei Templi, prendersela con lei potrebbe attirare cattivo karma, oltre che essere un disastro apocalittico da un punto di vista propagandistico. L’Imperatore Takakura vuole a ogni costo evitare danni troppo grandi.

Non aiuta il fatto che i monaci siano sul piede di guerra e feroci oppositori dei Taira.

Uno potrebbe pensare che non sia savio stuzzicare i Taira, specie quando non hai i numeri né i mezzi di difenderti a dovere. Ma come dice il grande principio militare esemplificato dal Gen. Melchett: “If nothing else works, a total pig-headed unwillingness to look facts in the face will see us through.

A due riprese la Corte prova a spedire dei funzionari civili per convincere i monaci a darsi una calmata.

Il primo temerario è il Direttore del Collegio per l’incoraggiamento agli studi. La sua missione va benissimo.

-Un palanchino!- Urlano i frati -C’è dentro un burocrate! Chiappalo e tagliagli il ciuffetto di testa!

Il secondo a tentare la fortuna è un ufficiale della Guarda delle Porte, sezione sinistra.

-Daje un altro, vai di forbici!

Anche il secondo riesce a scappare. Non così due dei suoi accompagnatori, che sono mollati dopo un rapido passaggio sotto il rasoio. Kiyomori comincia a perdere la pazienza. Anche perché i frati non hanno intenzione di abbozzare: il nuovo gioco a Nara è una versione del calcio, solo che la palla si chiama “Kiyomori”. Non sto scherzando. L’umorismo da scuola elementare scorre potente nei monasteri.

-Forse i burocrati non bastano a spaventarli.- Ragionano i Taira. -Proviamo a mandargli un ufficiale della polizia provinciale con cinquecento uomini.

Non si tratta di una missione offensiva (i tizi non sono armati), quanto di una dimostrazione di muscolo.

Non funziona un granché.

I monaci mettono le mani su una sessantina di guerrieri, e questa volta non tagliano i loro capelli: li scapitozzano direttamente. Perché fanculo la non-azione e la pace di spirito, se non li decapiti quando sono disarmati sei un fesso!

Solo che pestare la coda di Kiyomori è uno sport pericoloso. Il nostro ha una filosofia di vita riassumibile in due precetti: “la mia famiglia prima della tua” e “se vuoi la rissa, ti do la rissa”. L’ordine viene dato, i cavalieri Taira partono per Nara. Ce ne è voluta, ma finalmente i monaci hanno la loro bella guerra.

Secondo lo Heike monogatari, le forze in campo contano 40.000 cavalieri per i Taira, contro 7.000 monaci. Ancora, si tratta senza dubbio di esagerazione, ma dà un’idea della proporzione della spedizione.

I monaci si asserragliano sulla collina Narazaka e nello Hannyaji, fanno un bel fossato di traverso alla strada, tirano su i loro mantelletti, e aspettano. I Taira non si fanno pregare. Verso le sei di mattina l’armata governativa investe le due posizioni.

I monaci combattono con tutto l’ardore che hanno, ma non c’è partita: morte piove dal cielo, le frecce grandinano sulle teste pelate, le trasformano in puntaspilli.

Il sole cala, e il massacro non è ancora finito. Uno potrebbe quasi pensare che andare a stuzzicare i calabroni della Capitale fosse una cattiva idea dal principio.

Il buio s’infittisce, senza luna e senza stelle. Diventa difficile vedere a un palmo, ma il comandante dei Taira è un uomo pratico. Se non puoi vedere il tuo nemico, dagli fuoco.

Le casupole dei dintorni s’infiammano come torce, il vento gonfia le fiamme e presto altre case bruciano, e magazzini, e templi. Il Tōdaiji e il Kōfukuji, due tra i templi più grandi e più antichi, vanno in fumo come cerini.

Vecchi monaci incapaci di camminare, grandi studiosi, amati accoliti, donne e bambini erano scappati nel caos sul terreno del Kōfukuji. Al Tōdaiji più di mille persone si arrampicarono sul secondo piano del tempio del Grande Buddha e ritirarono le scale per impedire al nemico di inseguirli. Le fiamme fameliche ingolfarono la massa accalcata di gente. Peccatori che ardono nell’Inferno senza fondo non hanno mai cacciato grida sì orribili.

Heike monogatari

Si tratta del rogo che distrusse la prima statua del Grande Buddha (quella attuale non è l’originale). Icone, pitture, archivi, libri, uomini, donne, tutto viene incenerito dalla vendetta dei Taira. In una sola notte, due dei templi più prestigiosi del Giappone sono un mucchio di cenere e corpi carbonizzati. Dal portale dello Hannyaji dondolano teste mozzate. Altre capocce sono portate alla Capitale come souvenir.

L’idea sarebbe do passeggiarle per le strade e poi appenderle agli alberi degli incroci. Sia mai, magari la gente smetterà di sghignazzare per quella faccenda del fiume Fuji!

Alto una quindicina di metri, il Daibutsu attuale è una statua del Periodo Edo. In particolare la testa era stata del tutto distrutta dal rogo.

Tuttavia l’Imperatore è un pochettino scosso, come il resto della Corte. A quanto pare la missione è stata troppo distruttiva per i loro delicati gusti aristocratici. Kiyomori decide che è meglio soprassedere, per una volta.

-Niente sfilata delle capocce?- Fanno i suoi. -I ragazzi saranno delusi.

-Oh, sai com’è, se la gente non si diverte diventa di cattivo gusto. Meglio lasciar perdere.

-E con le teste pelate che ci facciamo?

-Boh, quello che vi pare.

Le teste finiscono buttate in fossi e rigagnoli di scolo.

Tirando le somme, mentre la regione centrale brucia, il primo Piccolo Governo di Kamakura è nato nella provincia di Sagami. Ci vorranno altri 4 anni di guerra per poter stabilire la supremazia Minamoto.

E Yoritomo non ha ancora finito di fare i conti con i suoi troppo numerosi parenti.

MUSICA


Puntate precedenti:

Genpei 0.1

Genpei 0.2

Genpei 1.0

Genpei 1.1

Genpei 1.2

Bibliografia

FARRIS William Wayne, Heavenly warriors, Harvard University Press, 1995, Cambridge

FRIDAY Karl, Samurai, warfare and the state, Routledge, 2004, New York

ROYALL Tyler, The tale of the Heike, Viking, 2013, New York

SOUYRI Pierre-François, Histoire du Japon Médiéval – Le monde à l’envers, Tempus, 2013, Paris

UESUGI Kazuhiko, Genpei no sōran, Yoshikawa Kōbunkan, 2007, Tōkyō

Fonte dell’immagine del castello di Kanasa

Advertisements

7 thoughts on “Genpei 1.3: Interludio

  1. Il mio browser sta facendo i capricci, perciò, rischiando di ripetermi… che storia agghiacciante!
    Mi chiedo se ‘sti monaci avrebbero potuto tenersi neutri con la scusa del distacco dal mondo e della contemplazione, anziché decollare o umiliare ambasciatori.
    Ma capisco che anche un santo perderebbe la pazienz a con un burocrate 😛

    • I monaci sovente adottano due tendenze: quella contemplativa o quella fcinorosa 😀 Che poi sono le due possibilità più probabili, quando ammucchi insieme centinaia di ragazzi e giovanotti con niente altro da fare se non ginnastica e letture sacre.

  2. Ma non é un controsenso avere arcieri corazzati ? A cavallo per di piu ? Cioé adatto a combattere da lontano ma corazzato. Veloce ma in fondo lento. ????

    • Perché dovrebbe essere un controsenso? La corazza serviva proprio perché si avvicinavano. Se i tuoi arcieri sono a 200 metri dietro dei mantelletti, non hai bisogno di coprirli di lamelle da testa a piedi.
      Peraltro, l’arco giapponese ha un libraggio basso rispetto al nostro longbow, il che significa che dovevano avvicinarsi per infliggere danni decenti. L’arciere a cavallo è un tipo di combattente molto diffuso in Asia.

  3. Pingback: Genpei 2.0: La morte di Kiyomori e l’alba della Seconda Fase – Fortezza Nascosta

  4. Pingback: Genpei 2.1: Agiremo con Buonsenso solo dopo aver esaurito ogni altra possibilità – Fortezza Nascosta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...